Nasce una nuova divisione della società Erif Real Estate. L’obiettivo è quello di riqualificare gli edifici dal punto di vista energetico e ridurre le emissioni perché il 90% delle nostre abitazioni purtroppo consuma troppo.

Nasce all’interno del gruppo Erif Real Estate una nuova divisione Erif Energy per curare l’ambiente. Infatti, nelle nostre case si consuma troppo e si producono troppe emissioni. La crisi economica ha portato alla ribalta l’importanza dell’impatto zero e la necessità di una nuova valorizzazione degli immobili anche dal punto di vista energetico e strutturale.
Erif Real Estate è una società di costruzioni con sede a Legnano, punto di riferimento per tutto il Nord, e la divisione Erif Energy si occuperà di riqualificare gli edifici dal punto di vista energetico,di ridurre le emissioni e di intervenire sulla strutture.

«Il tema portante dei prossimi 10/20 anni, sia nel settore residenziale così come negli altri settori industriali, sarà quello dell’abbattimento delle emissioni e la riduzione dei consumi -dice il presidente Luigi Barbato-. Nel nostro territorio di riferimento, circa il 90% delle costruzioni esistenti, tranne quelle di ultima produzione, è considerato “energivoro”, ossia che consuma troppo. Bisogna intervenire sui consumi sia per garantire un abbattimento dei costi alle famiglie, sia per limitare sempre di più le emissioni».

Il protocollo di Kyoto, infatti, parla chiaro: l’Italia, nel periodo 2008/2012, deve abbattere le emissioni inquinanti del 6,5%. E questo deve essere fatto anche nel mercato delle costruzioni. O, meglio, in quello delle abitazioni residenziali.